MGL 

Avviata interlocuzione con gli organi istituzionali preposti, chiamati a dare riscontro alle istanze formalizzate da questa segreteria MGL Regione e Autonomie Locali nei giorni scorsi, in ordine a :

 

a) - Decurtazione somme in misura pari al 5% a valere sulle quote di riparto esercizio finanziario 2019 di cui all'art 30 comma 7 della l.r. 5/2014 – Chiesta sospensione del procedimento.

 

b) - Soluzione RESAIS, in alternativa alla macata e ordinaria procedura di stabilizazione ai sensi del Decreto 75/2017, contemplata nel maxiemendamento al collegato legge finanziaria – Chiesta riscrittura dell'art. 60 .

 

Proprio in merito alla riscrittura del maxiemendamento presentato a firma di alcuni capi gruppo della maggioranza, la Commissione Lavoro chiamata ad esitare il testo per il successivo inoltro all'ARS, dopo l'intervento del Presidente Musumeci che rappresentava al Presidente Miccichè l'indisponibilità di risosre finanziarie necessarie a dare copertura alla miriade di norme che articolavano il corposo testo del disegno di legge, ha proceduto ad uno sfoltimento di numerosi articoli mandando avanti norme che non comportavano spesa . Intanto, è di ieri sera la notizia giunta da Roma , che il Consiglio dei Ministri ha impugnato diversi articoli della l.r. n. 13 del 19/07/2019 pubblicata in GURS lo scorso 26 Luglio (interessa PIP, Forestale, consorzi di bonifica, Province , ed altre categorie ); adessso c'è attesa sulla valutazione e pronuncia entro il prossimo 9 Ottobre c.a. da parte del Consiglio dei Ministri sulla leggittimità costituzionale deglle norme approvate lo scorso 6 Agosto c.a. dall'ARS ( l.r. 14/2019 e l.r. 15/2019 ).

 

In merito alla procedure di stabilizzazioni che le Amministrazioni interessate sono chiamate ad adottare e definire entro il prossimo 31/12/2020 , si richiama l'attenzione del personale in atto in servizio con rapporto di lavoro subordinato a tempo determinato destinatario dei provvedimenti in parola, sugli adempimenti e sulla tempistica  che queste comportano, nel  merito si sollecitano le stesse  Amministrazioni a cononcludere l'iter, là dove ne ricorrono i presupposti e le condizioni entro e non oltre il 31/12/2019, stante che a decorrere dal 1 Gennaio 2020 gli enti dovranno riscrivere e riapprovare i documenti contabili prendendo a riferimento annualità diverse.

 

Si fà presente altresì, che entro il prossimo 30 Settembre i comuni con popolazione superiore a 5.000 abitanti dovranno approvare il Bilancio Consolidato, caso contrario le stabilizzazioni non potranno avere corso fino a quando questo adempimento contabile non sarà positivamente riscontrato.

 

                                                                            Il Segretario Generale

                                                                                 Giuseppe Cardenia