MGLE' stata pubblicata lo scorso 2 Maggio sul sito del Dipartimento Regionale alle Autonomie Locali della Regione Siciliana la nota Prot. n. 7017/Serv.2 del 29/04/2019 attraverso la quale si invitano i comuni che hanno definito le procedure di stabilizzazione del personale con contratto a tempo determinato avviate ai sensi dell'art 4 commi 6 e 8 del Decreto Legge 31 Agosto 2013 n. 101, convertito in legge 31 Ottobre 2013 n. 125/2013 e concluse al 31 Dicembre 2017, a fornire i dati necessari al fine di una puntuale applicazione del dettato normativo riportato al comma 1 dell'art 22 della legge regionale 22 febbraio 2019 n. 1 e nella considerazione che alle unità di personale stabilizzato si estendono i benefici di cui all'art 10, lett.a) e d) , della legge regionale n. 27/2016 .

Come sempre il tempo ci ha dato ancora una volta ragione, di fatto come segreteria MGL Regione e Autonomie Locali avevamo sempre sostenuto, che i contratti stipulati in quel preciso periodo temporale e ai sensi di quella specifica legge, non erano beneficiari di contributi da parte della Regione Siciliana ma diversamente i costi venivano imputati a carico dei rispettivi bilanci delle Amministrazioni che li deliberavano, in funzione e nei limiti delle disponibilità finanziarie derivanti dalle proprie capacità assunzionali .

Ciò premesso, le Amministrazioni interessate sono tenute entro il termine di giorni 10 dalla data di pubblicazione e quindi entro la giornata di Lunedì 13 Maggio c.a. a trasmettere in formato "pdf" all'indirizzo pec: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. l'allegato modello "A" nel quale dovranno essere riportati i dati richiesti, debitamente sottoscritto oltre che dal legale rappresentante dell'ente anche dal Responsabile del servizio personale e dal Responsabile dei Servizi Finanziari .

Si dà atto che il contributo da assegnare, limitato solo, alle autonomie locali che hanno operato le stabilizzazioni con contratto a tempo indeterminato in forza dell'art 4 commi 6 e 8 del decreto 101/2013, verrà quantificato nella quota derivante dalla ripartizione dell'importo massimo del 5% della dotazione del fondo straordinario di cui al comma 7 dell'art 30 della l.r. n. 5/2014 .

Altresì si rappresenta che a seguito dell'impugnativa dell'art 23 della legge regionale n. 1/2019 operata dal Consiglio dei Ministri è venuto meno il termine del 30 giugno c.a. entro cui il personale titolare di contratto a tempo determinato in servizio presso enti in dissesto, enti deficitari con piani di riequilibrio già approvati dall'organo consiliare al 31 dicembre 2018, liberi consorzi comunali e città metropolitane, poteva fare richiesta di transito alla RESAIS .

Se da una parte rivendichiamo l'esigenza di riscrivere la norma con più oculatezza e maggiore tutela dei lavoratori che in ultima analisi dovrebbero farvi ricorso, dall'altra manifestiamo compiacimento per l'impugnativa, stante che la norma era divenuta oggetto di attenzione da parte di Amministrazioni che pur non venendosi a trovare in una delle ipotesi di bilancio dissestato contemplato dall'art 3 comma 18 della legge regionale 27/2016 veniva presa a riferimento come alternativa e ripiego alle procedure di stabilizzazione del personale precario interessato. 

 

                                       Il Segretario Generale

                                               Giuseppe Cardenia