MGLSono stati aggiornati a questa mattina i lavori parlamentari all'ARS dopo la seduta di ieri pomeriggio, che ha visto l'accantonamento dell'art 34 della legge finanziaria in discussione, articolo che interessa la categoria, anche per le aspettative che porta con se, maturate a seguito delle dichiarazioni rese dal governo regionale nella persona dell'assessore di riferimento On. Grasso, in merito alla presentazione di emendamenti aggiuntivi che affrontano la questione sollevata dalla Corte dei Conti a seguito dei pareri resi ai quesiti posti dalle amministrazioni locali dei comuni di Milazzo e San Pier Niceto, in ordine all'applicazione della riserva del 50% anche alle somme aggiuntive trasferite dalla Regione per la stabilizzazione del personale precario in servizio nella pubblica amministrazione.

Sull'argomento, è stata resa pubblica nelle ultime ore, la sentenza pronunciata per altri aspetti dal TAR di Palermo, che contrasta con quanto rilevato dai magistrati contabili della Corte dei Conti, ma a differenza di quanti oggi si soffermano solo su questo aspetto, affannandosi a postare sui vari social la notizia, spronando le amministrazioni ad andare avanti con invito a riprendere le procedure da dove erano state spospese; non prestano attenzione ad altri aspetti importanti che la stessa sentenza riporta.

NOI come segreteria MGL Regione e Autonomie Locali, ripartiamo dalle procedure adottate dalle amministrazioni con invito a rivedere il tutto, manifestando da subito disponibilità a supportare tecnicamente l'operato delle amministrazioni interessate, nel rispetto di ruoli  e competenze a ciascuna delle parti demandate, senza alcuna pretesa e/o prevaricazione, per giungere in tempi relativamente brevi alla stabilizzazione del personale facente parte della categoria, assoggettandolo alle disposizioni di legge di cui all'Art 20 comma 1 del Decreto L.gvo 75/2017; annotando e richiamando proprio la sentenza del TAR di Palermo n. 234/2019, là dove evidenzia che, l'art 97 c.4 della Costituzione stabilisce il principio dell'accesso al pubblico impiego mediante concorso pubblico, ammettendo la sua derogabilità, nelle ipotesi peviste dalla legge; ipotesi che la nostra categoria riscontra ampiamente 

Come sempre non basta leggere e riportare, è opportuno soffermarsi e analizzare i concetti e i particolari, che come sempre fanno la differenza tra Noi e gli altri .

Rinnovo l'invito a seguire sul sito istituzionale dell'ARS i lavori parlamentari e comprendere le posizioni che si andranno a delineare sulla votrazione dell'art 34 della legge finaziaria in esame .

                                                                   

                                                       Il Segretario Generale

                                                     Giuseppe Cardenia