MGLDopo il rinvio di ieri, dovrebbero approdare oggi nelle Commissioni di merito i testi di legge del collegato alla legge finanziaria per l’avvio della discussione e approvazione; sempre in giornata dovrebbe tenersi la conferenza dei capigruppo chiamata a programmare le attività dell’ARS, scadenzando i tempi utili per giungere all’approvazione del Bilancio e della Legge finanziaria per l’anno 2019 entro il prossimo 31 Gennaio, dando il via libera a provvedimenti che dovrebbero dare risposta alle innumerevoli problematiche rappresentate dalla deputazione con la presentazione di centinaia di emendamenti. Come segreteria MGL Regione e Autonomie Locali in rappresentanza della categoria, abbiamo ritenuto quanto mai opportuno richiamare l’attenzione sulla necessità di esitare un provvedimento che possa accelerare le procedure di stabilizzazioni attraverso un percorso normativo che nel rispetto delle leggi vigenti in materia, renda più trasparente e praticabile l’adozione di atti propedeutici all’assunzione con contratto a tempo indeterminato e giungere in tempi relativamente brevi alla stabilizzazione di che trattasi . Solo così potremmo avere certezza sui dati commentati positivamente dal Governo Regionale in ordine all’applicazione della legge Madia in Sicilia, in particolare, “in 47 Comuni le procedure di stabilizzazione sono già concluse e hanno coinvolto 693 persone. In altri 74 Enti l’iter è in fase inoltrata e riguarda 2.385 lavoratori, mentre in altri 142 il percorso appena avviato interessa 4.984 dipendenti”; diversamente, ad oggi, la certezza secondo una nostra analisi dei dati, può essere rilegata a poco più di 3.000 persone di contro ad una platea di 15.000, senza tralasciare che le procedure dovevano concludersi entro lo scorso 31 Dicembre 2018, se non interveniva un rinvio, assoggettando queste al Decreto Lgvo n.75/2017 che ha rasserenato gli animi di amministratori locali e funzionari, non certamente quelli dei lavoratori interessati, che hanno rivissuto un esperienza che pensavano di non rivivere più, il protrarsi in avanti di una condizione sociale non più sostenibile tanto meno condivisibile , stante che si poteva già porre fine all’annosa problematica del precariato con l’anno appena trascorso .

 

                                                 Il Segretario Generale

                                                                              Giuseppe Cardenia