MGLE’ confermato per la giornata di Lunedì 18 Dicembre 2017 ore 10:00 presso Aula Magna Scuola Politecnica – Palermo, il 2° FORUM Regionale sul Precariato Storico della Pubblica Amministrazione, l’occasione sarà momento di incontro e confronto tra gli addetti ai lavori, per la definizione di un percorso ampiamente già delineato sulla scorta della normativa regionale l. r. n. 27/2016 e nazionale Decreto Legislativo n. 75/2017 meglio esplicitato con circolare n. 3/2017 a firma del Ministro per la Semplificazione e la Pubblica Amministrazione, a cui fare riferimento per l’adozione degli atti propedeutici alla stabilizzazione con contratto a tempo indeterminato del personale precario destinatario dei provvedimenti normativi in parola. La partecipazione è regolamentata da Inviti già recapitati a tutti gli Amministratori Locali e altre istituzioni regionali, altresì chi vorrà prendere parte ai lavori è invitato ad accreditarsi presso la nostra segreteria MGL Regione e Autonomie Locali, inoltrando all’indirizzo email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. apposita comunicazione recante generalità ente di appartenenza, recapito telefonico per contatti, che limitatamente alla disponibilità di posti sarà autorizzato. Come segreteria MGL Regione e Autonomie Locali siamo consapevoli che a tutt’oggi continuano a persistere interessi diversi che limitano e condizionano la soluzione che al di là delle tante chiacchiere è possibile concretizzare con un consolidamento dello stato di fatto attraverso la storicizzazione della spesa e dei rapporti di lavoro in essere, mediante riconversione degli stessi sia sotto il profilo giuridico che economico dei profili e delle categorie professionali interessate, al ricorrere delle condizioni e dei presupposti che a nostro parere come categoria riscontriamo favorevolmente nell’art. 20 comma 1 del Decreto 75/2017. A tal uopo continuiamo a non comprendere il comportamento di altri soggetti istituzionalmente preposti a trattare sull’argomento, nel non condividere e fare propria la proposta da Noi fortemente sostenuta negli anni e oggi possibile, nutriamo serie preoccupazioni sul vero interesse che anima quanti si spendono per la categoria, senza tralasciare un interesse politico di fondo che aleggia insistentemente sull'argomento dato atto che la campagna elettorale non si è conclusa il 5 Novembre ma continua e si intensifica con l’approssimarsi del prossimo appuntamento nazionale a primavera. Nel dare notizia che il Dipartimento Autonomie Locali con propria nota del 05-DIC-2017 - COMUNICATO/Servizio 2 - Commi 10 lettera a) e 11 dell'art. 3 della legge regionale n. 27/2016, ha approvato il riparto delle somme complementari riconosciute ai comuni sulla scorta delle comunicazioni che questi hanno fatto,solecitiamo gli stessi a riscontrare la correttezza dei dati inseriti. In merito alle tante perplessità e dubbi alimentati sulla prosecuzione delle attività in scadenza al prossimo 31 dicembre 2017, nel merito si rappresenta che gli enti interessati già con la legge regionale n. 27/2016 erano stati autorizzati a deliberare la prosecuzione dei rapporti di lavoro a tempo determinato fino al 31/12/2018 , termine ultimo entro cui devono concludersi le procedure di stabilizzazione, relativamente al personale ASU questo era e rimane autorizzato fino al 31/12/2019. Alla luce di quanto impartito con circolare n. 3/2017 dal Ministero della Semplificazione e della Pubblica Amministrazione in ordine al punto 3.2.6 –Proroga dei rapporti di lavoro , gli enti possono già procedere nell’adozione degli atti necessari per fare proseguire i rapporti di lavoro in scadenza senza soluzione di continuità in quanto soggetti che riscontrano le condizioni di cui all’art 20 ovvero soggetti destinatari di misura volta al superamento del precariato nelle more di definire le procedere utili e necessarie a siglare un contratto a tempo indeterminato, opportunità questa che già a decorrere dal 1 Gennaio gli enti e i lavoratori interessati possono cogliere,  superando la tanto decantata proroga .

                                                                           Il Segretario Generale

                                                                                     Giuseppe Cardenia