MGLCome segreteria MGL Regione e Autonomie Locali a 10 giorni dal voto, abbiamo ritenuto importante  e quanto mai opportuno investire direttamente i candidati alla Presidenza della Regione Siciliana con una lettera a loro indirizzata rappresentando ciò che come categoria rivendichiamo prioritariamente e ciò che pretendiamo all’indomani del loro insediamento a Palazzo d’Orleans; mettendo in evidenza ciò che nel corso delle ultime settimane ribadiamo con insistenza, Nessuna perdita di tempo e Nessuna concessione al nuovo esecutivo regionale tanto meno alla nuova assemblea regionale siciliana; tergiversare su ipotesi e proposte che non trovano fondamento e riscontro in ciò che per noi rimane punto di riferimento come la l. r. 27/2016, non troverà giustificazione alcuna . Con la “lettera documento” recapitata a tutti e 5 i candidati abbiamo formalizzato esplicita richiesta che ognuno rendesse autonomamente e liberamente una propria dichiarazione in ordine alla problematica precariato storico degli enti locali, per meglio fare comprendere la posizione che si intende assumere nei confronti della categoria, assumendo impegno a pubblicare su questo sito i contenuti come informazione riservata alla categoria .

Oggi riceviamo e pubblichiamo le prime due dichiarazioni rese da

-       Candidato La Rosa (Siciliani Liberi)

La nostra risposta al problema dei precari è semplice e lineare. I precari sono stati utilizzati a scopo clientelare per mantenere tra cittadini e partiti coloniali un rapporto di tipo feudale: se mi voti ti prorogo e, forse, ti stabilizzo. Per superare questa vicenda, ci sono solo tre linee possibili. Risoluzione della Questione Finanziaria Siciliana per ridare ai Comuni (e alla Sicilia) quanto oggi dirottato allo Stato incostituzionalmente. Senza queste risorse sono solo chiacchiere preelettorali. Stabilizzazione dei precari storici con norme transitorie per chiudere con un passato vergognoso e per ridare dignità a un popolo di decine di migliaia di lavoratori. Assunzioni solo per pubblico concorso, da ora in poi, come prevede la costituzione .                                          Roberto La Rosa 

-       Candidato Micari : ( Lista Micari , Sicilia Futura – PSI, Alternativa Popolare . PD)

Non ci sono più scuse, nel giro della prima settimana il nuovo governo regionale dovrà avviare il percorso per la stabilizzazione degli oltre 20.000 precari siciliani. Oggi ne abbiamo discusso con la ministra Marianna Madia. Non è una promessa elettorale, uno spot buono per acchiappare qualche voto. Ritengo di essere persona seria e concreta e soprattutto penso, che da troppi anni decine e decine di miglia di lavoratori siano vittime di un meccanismo di ricatto odioso. Adesso basta, ci sono le risorse, c’è la legge regionale approvata a fine 2016 ed anche la normativa nazionale di riferimento. Bisogna adottare semplici adempimenti amministrativi che faremo nei primi giorni del nuovo governo. Sarà un atto di giustizia che dovrà mettere la parola fine ad un’ anomalia  divenuta  negli anni regola in tanti Comuni siciliani. Dobbiamo dare ai precari, spesso da anni inseriti in posizioni di responsabilità, la certezza che ogni cittadino merita : un reddito sicuro fino alla pensione il diritto di guardare al futuro con serenità .                           Fabrizio Micari

Nel ringraziare i candidati Dott. La Rosa e Prof. Micari per aver accolto il nostro invito e reso dichiarazione in ordine a problematica precariato storico degli enti locali in Sicilia, si rimane in attesa di quanto voranno fare i candidati On. Musumeci, On. Cancelleri e On. Fava.

N:B: -RECAPITARE A TUTTI I CANDIDATI ALLE ELEZIONI REGIONALI 2017 IL DOCUMENTO UNITARIO CHE SINTETIZZA LA NOSTRA POSIZIONE IN ORDINE ALLA PROBLEMATICA PRECARIATO STORICO EE.LL

 

                                                                                         Il Segretario Generale

                                                                                                  Giuseppe Cardenia