Comunicato Stampa 7 Ottobre 2019

MGLCome segreteria MGL Regione e Autonomie Locali riteniamo quanto mai prioritario e opportuno che la Regione Sicilia nella sua articolata forma istituzionale che alberga tanto a Palazzo d'Orleans (Governo Regionale) quanto a Palazzo dei Normanni (Assemblea Regionale Siciliana) si prodighi affinchè ponga fine entro i termini già prescritti da norme regionali e nazionali al precariato storico della Pubblica Amministrazione, supportando con interventi legislativi mirati la stabilizzazione là dove questi si reputano necessari, in armonia con quanto previsto dal TUEL e altri Decreti Legislativi che regolamentano la materia di assunzione nella Pubblica Amministrazione, andando in soccorso di quelle Amministrazioni che pur manifestando disponibilità e interesse alla stabilizzazione del personale che da decenni presta servizio alle proprie dipendenze con rapporti di lavoro subordinato a tempo determinato, sono impediti nell'adozione degli atti propedeutici per problematiche di natura finanziaria (enti in dissesto e/o che hanno fatto ricorso a piani di riequilibrio ). Nessuna scorciatoia e/o raccomandazione, ma solo affermazione di diritti che nessuno intende svendere ma riconoscere come tali per rendere giustizia e ridare dignità a persone che per troppo tempo hanno vissuto nell'indifferenza di tanti soccombendo a ricatti e umiliazioni perchè precari. Come segreteria MGL Regione e Autonomie Locali siamo fermi e convinti sostenitori della legittimità degli atti posti in essere e adottati dalle varie Amministrazioni che in questi ultimi mesi stanno procedendo, attraverso le procedure di "assunzione diretta", alla stabilizzazione di migliaia di unità di personale, dando dignità a persone che nulla hanno da rimproverarsi, (a differenza di quanti hanno alimentato e mantenuto per decenni questa condizione sociale di sudditanza politica e del bisogno) perchè suffragati da atti e procedure trasparenti che avvalorano l'assunzione a tempo indeterminato sotto il profilo dell'etica personale, della professionalità e delle competenze maturate in 30 anni di precariato. E' tempo che la Politica ritrovi compattezza e unità di intenti su problematiche sociali di spessore, che non possono essere di parte, concretizzando quella maggioranza qualificata e trasversale (come spesso riscontrato in passato su importanti leggi), che senza fare riferimento ad una parte politica proceda, ORA SUBITO ! nella giusta direzione senza più rinvii. A tal uopo come segreteria MGL Regione e Autonomie Locali condividiamo e supportiamo la riproposizione dell'emendamento al sub-emendamento di riscrittura 1R.2 del ddl n.491/VComm. a firma dell'On. Tommaso Calderone capogruppo di F.I., che ha trovato la condivisione anche dell'On. Di Caro del M5S; di fatto la proposizione dell'emendamento aggiuntivo all'art 35, affronta nel rispetto delle norme vigenti la problematica dei comuni in dissesto o con piani di riequilibrio già approvati, (come già fatto in passato con altre norme regionali per la prosecuzione dei rapporti di lavoro a tempo determinato) riconoscendo loro la prerogativa di procedere alla stabilizzazione con contratto a tempo indeterminato ai sensi dell'art 20 comma 1 del Decreto lgs n 75/2017, mediante applicazione delle disposizioni previste al comma 10 dell'art 259 del Dcreto Legislativo n. 267/2000 (TUEL) in quanto Regione a Statuto Autonomo, superando di fatto l'opzione RESAIS.

Per quanto rappresentato si sollecita il personale interessato a farsi promotore presso le rispettive Amministrazioni affinchè queste intervengono con URGENZA già nella giornata di domani mattina presso la propria deputazione di riferimento chiedendo il loro intervento favorevole a supporto dell'emendamento attenzionato ; consapevoli che domani pomeriggio la deputazione è chiamata a pronunciarsi nel merito nei lavori d'aula già convocati a Sala d'Ercole .

 

                                                 Il Segretario Generale

 

                                                        Giuseppe Cardenia